Scopri i musei più rari del mondo e perché

Molti musei sono molto famosi, soprattutto per le opere di artisti famosi che si caratterizzano per la loro bellezza. Tuttavia, ci sono musei per tutti i gusti. Pertanto, in questo articolo abbiamo raccolto i musei più rari del mondo per voi per fare i migliori viaggi culturali.

museo

Museo delle relazioni interrotte. Pieno di oggetti di coloro che hanno deciso di dimenticare il dolore.

A Zagabria, in Croazia, il fallimento dell’amore è diventato una forma d’arte concettuale. Il Museo delle Relazioni Rotte è forse uno dei luoghi più strani e attraenti del mondo. La capitale e la città più importante della Croazia ha una mostra dedicata alle storie d’amore non realizzate e ai fallimenti amorosi.

Come parte di questo processo catartico, è stata costruita una collezione di oggetti, donati da persone ferite che sono in fase di guarigione. Questo museo è pieno di oggetti di persone che hanno deciso di separarsi da tutto ciò che gli ricorda quel periodo meno felice della loro vita.

Questo posto può essere visto come un luogo triste e deprimente. Ma è stato creato come un faro di speranza e di riconciliazione con se stessi. Questa mostra ha avuto un tale successo da avere una collezione itinerante che ha raggiunto ogni angolo del mondo.

arte cattiva

Il Museo dell'Arte Cattiva (MOBA). Mostra al mondo la peggiore arte in circolazione.

A Boston, Massachusetts, il museo è elencato come una canzone del soggettivismo. È il Museo dell’Arte Cattiva, incaricato di presentare l’arte cattiva al grande pubblico. È uno dei musei più rari al mondo.

Il Museum Of Bad Art (MOBA) è stato fondato nel 1993 e inizialmente era ospitato nel seminterrato di una casa privata a Boston. Tuttavia, lo spazio divenne presto piccolo e la collezione fu ospitata permanentemente in un cinema del 1912.

È dedicato alla “raccolta, conservazione, esposizione e celebrazione dell’arte cattiva in tutte le sue forme”. Il museo accetta solo opere d’arte interessanti e convincenti. Tra i più notevoli vi sono i “tratti poveri” e la “gente blu”, dove non vedrete altro che blu ovunque.

Il Museum Of Bad Art (MOBA) ha “standard elevati”. Sono anche costantemente alla ricerca di offerte da donatori di tutto il mondo e vanno nei mercati, nei negozi di seconda mano e persino nelle discariche con il loro team alla ricerca di pezzi attraenti degni del MOBA. La popolarità del museo è tale che persino le società di raccolta dei rifiuti hanno contattato l’istituzione per informarle di ritrovamenti spettacolari.

Il Museo delle Mummie, una collezione di mummie naturali. Uno dei musei più rari al mondo.

Situato nella piccola città mineraria di Guanajuato (Messico), dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, centinaia di corpi sono stati sepolti nelle cripte del Pantheon di Santa Paula a metà del XIX secolo.

I corpi mummificati provengono dal Pantheon di Santa Paula. Il Museo delle Mummie di Guanajuato ha una collezione di 117 reliquie. È la più grande collezione di mummie naturali del mondo, composta da donne, uomini e bambini, i cui resti furono riesumati tra il 1865 e il 1869.

A quel tempo, le famiglie dovevano pagare una tassa imposta dal governo municipale per seppellire i loro defunti. Se necessario, i corpi venivano riesumati. Fu durante una di queste esumazioni che scoprirono che i corpi erano mummificati da un processo naturale, probabilmente dovuto ai fattori climatici unici della regione.

Questi macabri cadaveri sono esposti dall’inizio degli anni ’70 in questo museo, che riceve centinaia di migliaia di visitatori ogni anno. All’inizio, le visite alle catacombe del Pantheon di Santa Paula per vedere i corpi mummificati erano clandestine.

Oggi, molti turisti di tutto il mondo vengono a visitare il museo che, sebbene non sia unico al mondo, ha la particolarità di avere una collezione di mummie naturali, cioè i corpi non sono stati imbalsamati per conservarli.

mummia
capelli

Il Museo dei Capelli, che è stato originariamente creato come souvenir.

Il Museo dei Capelli nella bella Cappadocia fu creato da un vasaio che chiese a un amico di dargli una ciocca di capelli come souvenir. Lei ha tagliato una ciocca di capelli e lui l’ha tenuta. Così iniziò la bella tradizione, e le donne ancora oggi tagliano una ciocca di capelli e la danno a quest’uomo per aumentare la sua collezione. Si dice che ora ci siano 16.000 ciocche di capelli di tutti i tipi nel museo, e il numero aumenta ogni giorno.

Il museo dei capelli appartiene a Chez Galip, un famoso maestro vasaio che ha un laboratorio in città e il suo museo è nel Guinness dei primati. La collezione è ospitata in una grotta le cui pareti sono a malapena riconoscibili perché sono coperte dai lucchetti di migliaia di donne che sono identificate con i loro nomi e indirizzi.

Da 30 anni, le donne ci vanno e scoprono la storia del museo, lasciando le loro ciocche di capelli. E grazie a questo atto “simbolico”, Chez ha ciocche di capelli di donne di tutto il mondo. Non è uno dei musei più rari del mondo?